Adesione Sistema Bibliotecario delle Langhe

Per usufruire di contributi dalla Regione Piemonte e avere accesso ai servizi offerti da questa rete, IL COMUNE deve per legge (Legge regionale n.78/1978, deliberazione n.470-41339 del 30.11.1994) aderire a questa rete.  Ecco il documento da presentare al comune per aderirci.

Ecco le responsabilità del comune ed i servizi offerti dal sistema (documento fornito da Annalisa Salati, Direttrice della Biblioteca Civica d’Alba che è il centro rete del sistema bibliotecario delle Langhe).

Il centro rete si occupa della catalogazione (Catalogazione – l’inserimento nella database Librinlinea di diversi dati del libro – non soltanto autore, ISBN, titolo, editore, ma informazione al riguardo il contenuto e struttura del libro) e classificazione (Classificazione – viene assegnato un codice/numero basato sul Sistema Dewy Decimal) del nostro patrimonio. Vedendo che la nostra collezione è limitato, useremo una versione semplificato di questo sistema con un massimo di 6 numeri. Questo codice determina dove il libro verrà sistemato sui nostri scaffali.  Questo è un lavoro che va fatto esclusivamente da una persona specializzata e non è un lavoro che possiamo fare noi. Possiamo portare i libri alla biblioteca di Alba oppure loro possono mandare qualcuno da noi da fare la catalogazione & classificazione direttamente nel nostro biblioteca (basta che ci sia un computer collegato all’Internet).

Prima che concordiamo un periodo per il tecnico da venire a catalogare, dobbiamo guardare i libri che abbiamo e decidere quale aree ci servono in modo che il tecnico può meglio decidere come classificare i nostri libri.  Possiamo usare le sezione della biblioteca di Alba come esempio:

  • Locale
  • Adulti
  • Ragazzi
  • Referenza

Dobbiamo anche decidere come vogliamo dividere i nostri libri – una parte che non verrano messo in circolazione, ma che si può consultare esclusivamente nella biblioteca (libri antichi, di referenza, ecc.) e una parte che circola.  Ha anche suggerito di considerare la creazione di due cataloghi  – uno per i libri “di fondazione” della biblioteca ed uno per i nuovi libri che verrano acquistati.  Siamo liberi di decidere come vogliamo dividere il nostro patrimonio.

Ci vuole una media di 8 ore per catalogare e classificare 40 libri. Durante questo processo viene attaccato un adesivo con il codice DDS sul dorso del libro.

Una volta inseriti nel catalogo, tutto il mondo può cercargli attraverso Librinlinea.

Da tanto in tanto, ci possono arrivare (tramite richiesta via email) richieste da persone facendo ricerca.  Se non riescono a venire di persona in biblioteca, ci viene richiesta di fare scansione/foto di certe pagine o fare delle mini ricerche.

Una volta che i libri del nostro patrimonio sono stati catalogati nel sistema, il comune ha un impegno di rinnovare l’adesione annuale.   Il centro rete chiede il nostro impegno continuativo in quanto è difficile togliere i nostri libri dalla rete ed il lavoro di catalogazione e classificazione richiede un’investimento importante da parte loro.  (Il costo della catalogazione è coperto nel costo di adesione – il primo anno il nostro abbonamento andrà verso questo e non verso l’acquisto di libri nuovi).

Il Sistema Bibliotecario delle Langhe ci aiuterà con richieste per fondi dalla Regione Piemonte (bandi, ecc.)  Faremmo queste richieste  attraverso il centro rete.

In linea di massimo, la regione rimborsa al 70% libri nuovi acquistati.  (Il rimborso arriva l’anno seguente).  Bisogna capire se questo vale per tutti i libri che acquistiamo o solo la parte obbligatorio per il numero di abitanti di Verduno (.50 per ogni cittadino).

Siamo liberi d’acquistare i libri che vogliamo e da chi vogliamo.  Il centro rete può fare da guida/consigliare sul tipo migliore e fornitori.

Siamo liberi di organizzare tutti gli eventi che vogliamo.  Il centro rete fornisce diverse letture con autori/per ragazzi durante l’anno – al solito in febbraio e novembre.

Il centro rete ha intenzione di aderirsi al nuovo sistema di prestito digitale MLOL in 2015.  Essendo parte della rete, avremmo accesso a questi servizi anche noi.

Il centro rete ci fornisce accesso al sistema di catalogazione che possiamo usare per gestire il prestito dei nostri libri.

Il centro rete ha fatto delle ricerche sull’uso del biblioteca dagli anziani.  La stanza dei periodici è frequentato tutte le mattine da un grande gruppo di persone che leggono i giornali.  Hanno scoperto che queste persone preferiscono leggere con una musica di sfondo (classica, ecc.) e per 45 minuti al giorno in quest’area fanno suonare musica che arriva dall’area audiovideo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *